4703. 14 Agosto 1947 matt. IR3 INS./N.AF.


TIANA (NU) - Un anziano pastore sarebbe stato testimone della discesa del "diavolo" dal cielo su di un grande piatto di argento, avvolto da fuochi multicolori. L'oggetto si era posato a circa 3/400 metri da dove si trovava l'uomo. Ad un certo punto, nell'oggetto si formò un'apertura da cui emerse una creatura d'argento, che, dopo avere superato la linea di arbusti in fiamme che circondava il "piatto", si aggirò nei pressi per parecchi minuti, facendo strani movimenti e raccogliendo pietre. In seguito rientrò all'interno dell'oggetto, l'apertura si richiuse alle sue spalle e l'oggetto decollò silenziosamente, sparendo alla vista a fortissima velocità. Il terreno su cui si sarebbe posato l'oggetto venne descritto come un "ammasso di ceneri e pietra fusa ed appena rappresa, che emanava ancora un grande calore". Tutto intorno, per decine di metri, la vegetazione (cisto, piccole querce ed altro) era "praticamente divenuta un ammasso informe di cenere".

(lettera F. La Marca)

Il caso è emerso casualmente a seguito del contatto tra questo Autore ed un signore romano, il quale raccolse la testimonianza del pastore proprio il giorno successivo all'evento descritto ed ebbe la possibilità di osservare le tracce al suolo (di cui ricorda ancora l'odore della pietra fusa e " .., confuso, con esso un altro non identificabile"). I dettagli disponibili sono, ovviamente, scarni e, comunque, relativi ad un ricordo personale di quarantasei anni prima: il caso, quindi, non risulta affidabile innanzitutto dal punto di vista informativo. Particolarmente curiosa la data dell'evento, la stessa del famoso (e molto controverso) caso di Villa Santina (4701), che vide come testimone il pittore - scrittore di fantascienza - traduttore Johannis. Da ricordare, infine, che il relatore di questo caso sembra avere delle conoscenze in campo ufologico, ma non è possibile esperimersi su come le stesse (comunque posteriori al caso in esame e conseguenza dello stesso) possano eventualmente avere influenzato il racconto da lui proposto.