ATTUALITA'

IN MEZZO A TANTE PAROLE, CONTINUANO LE INDAGINI VERE

Roswell sotto inchiesta

Il 28 luglio scorso È stato rilasciato, dopo un'indagine durata sedici mesi, l'atteso

rapporto del General Accounting Office (GAO) del Congresso degli Stati Uniti

(l'equivalente della nostra Corte dei Conti) sui "Risultati della ricerca di

documentazione riguardante il crash avvenuto nel 1947 nei pressi di Roswell, New Mexico"

(si veda UFO n.14).

IL RAPPORTO DEL GAO

Fatta eccezione per una circostanza sulla quale torneremo tra breve, possiamo dire che il

GAO ha scoperto ben poco. Così come si evince dal conciso rapporto (8 pagine di testo e 12

di appendici), non È venuto alla luce alcun documento inedito sul caso Roswell. I soli

due documenti rinvenuti che menzionano l'incidente sono noti da tempo all'interno della

comunità ufologica: si tratta di un telex inviato dagli uffici dell'FBI di Dallas a quelli

di Cincinnati, datato 8 luglio 1947 (vedi UFO n.12), e di una breve nota contenuta nella

storia del 509§ Gruppo Bombardieri. E dire che oggetto dell'indagine del GAO sono state le

principali agenzie federali preposte alla sicurezza nazionale.

Il Consiglio Nazionale per la Sicurezza, l'Ufficio sulle politiche scientifiche e

tecnologiche della Casa Bianca e il Dipartimento per l'Energia hanno riferito di non aver

alcun documento relativo al caso.

L'FBI ha informato che tutte le informazioni possedute sono state già rese note tramite la

legge sulla libertà d'informazione (FOIA): in pratica, il telex di cui sopra e null'altro.

Per il Dipartimento della Difesa (DOD) la totalità delle informazioni in suo possesso sono

già state accluse nel rapporto dell'Air Force dello scorso anno (si veda UFO n. 15), il

quale attribuiva l'incidente alla caduta di un treno di palloni utilizzati dall'allora top

secret Progetto Mogul sullo spionaggio delle attività atomiche sovietiche.

La CIA, infine, ha riferito che una ricerca condotta presso tutte le proprie banche dati,

utilizzando le parole chiave "Roswell, New Mexico", non ha prodotto alcun documento

relativo all'incidente.

In sintesi, nulla È emerso a confermare le speculazioni di coloro i quali ritengono che a

Roswell precipitò un'astronave aliena. D'altra parte neppure la versione sostenuta

dal-l'Air Force lo scorso settembre esce rafforzata dall'esito dell'inchiesta

parlamentare, dato che nessun documento sul Progetto Mogul sembra essere in possesso delle

agenzie federali interpellate.

I documenti mancanti

Veniamo ora a quella che forse È la scoperta più sconcertante effettuata dal GAO: ®nella

nostra ricerca di documentazione riguardante l'incidente di Roswell, abbiamo appreso che

alcuni documenti governativi inerenti le attività della RAAF [Roswell Army Air Field, la

base aerea di Roswell. NdA] sono stati distrutti mentre altri no¯.

In base alla documentazione in possesso del National Personnel Records Center (Centro

nazionale di documentazione sul personale), emerge che sono stati distrutti i documenti

amministrativi del RAAF del periodo compreso tra marzo 1945 e dicembre 1949 e i messaggi

in uscita dalla base RAAF tra ottobre 1946 e dicembre 1949.

Prosegue il rapporto del GAO: ®[l'apposito modulo] non indica quale organizzazione o

persona abbia distrutto i documenti, quando e con quale autorizzazione (...) Il Capo

Archivista ha dichiarato che, in base alla propria esperienza personale, molti dei

documenti organizzativi dell'Air Force di quel periodo furono distrutti senza che fosse

riportata la citazione della specifica disposizione governativa. Una nostra verifica della

documentazione relativa alla distruzione di altri documenti - inclusi messaggi in uscita

dalla RAAF del 1950 - conferma le affermazioni dell'archivista¯. In sostanza, ci È

preclusa la possibilità di conoscere il contenuto degli eventuali messaggi scambiati in

seguito all'incidente tra gli ufficiali di Roswell, Fort Worth e Washington. Nel rapporto

non viene però detto esplicitamente se sono stati effettuati controlli incrociati presso

la base di Fort Worth o il quartier generale dell'Air Force di Washington al fine di

rintracciare eventuali messaggi provenienti dalla base di Roswell.

Il GAO ha inoltre scoperto che i regolamenti dell'esercito (ricordiamo che solo nel

settembre 1947 l'aeronautica USAdivenne un corpo separato dal-l'esercito) prevedevano che

i rapporti su incidenti aerei fossero conservati permanentemente, ma che ciò non si

applicava invece a incidenti di palloni meteorologici (nessun rapporto su tali incidenti

risulta archiviato). L'assenza di documentazione in possesso dell'Air Force si limita

insomma a non escludere che a cadere nel ranch di Mac Brazel furono dei palloni Mogul.

Il rapporto del General Accounting Office ci informa anche su un altro aspetto della

ricerca: ®Non siamo riusciti a localizzare nessun documento che confermi che i rapporti

della 1395§ Compagnia di Polizia Militare (Aviazione) furono inviati al National Personnel

Records Center¯. Circostanza perlomeno curiosa, tenuto conto delle numerose testimonianze

sull'intervento della Military Police nelle operazioni di recupero.

Prove del cover up o...

cover up delle prove?

Non siamo ancora in grado di dare una valutazione dell'importanza di ciò che il General

Accounting Office ha scoperto, o meglio di ciò che non ha scoperto.

L'assenza di documentazione È certamente consistente con l'ipotesi del cover up, la

cosiddetta "congiura del silenzio", ma lo stesso può dirsi dell'ipotesi Mogul, considerata

la prassi dell'Air Force in materia di incidenti di palloni meteorologici.

Che il comportamento dell'Air Force non sia stato però in questi anni del tutto limpido

pare comunque innegabile. _ appena il caso di notare che l'Air Force, nel suo rapporto del

settembre scorso, ha ammesso di aver già mentito una volta riguardo l'identificazione

dell'oggetto precipitato (la "spiegazione" del pallone meteorologico Rawin target). In

quello stesso rapporto inoltre l'USAF omette di informarci su tutti quei particolari

emersi con l'indagine del GAO: fosse stato solamente per l'Air Force non avremmo mai

saputo della distruzione dei documenti (qualunque cosa significhi) o della prassi di non

conservare i rapporti su incidenti di palloni meteorologici.

Cosa ci serba il futuro?

I ricercatori americani sul caso Roswell stanno facendo pressioni su alcuni membri del

Congresso perch‚ si tengano delle audizioni parlamentari dei testimoni ancora viventi.

Sino ad ora il parlamentare Schiff (colui il quale richiese l'indagine del GAO), sebbene

insoddisfatto dall'esito dell'inchiesta, non si È però ancora pronunciato in favore di

un'ulteriore indagine su Roswell.

Tra breve dovrebbe essere reso noto un rapporto compilato dal prof. Charles B. Moore, uno

degli ingegneri che parteciparono al Progetto Mogul, in cui si ribadisce la fondatezza

dell'ipotesi formulata lo scorso anno dall'Air Force, secondo la quale l'oggetto caduto a

Roswell sarebbe stato effettivamente il treno di palloni del cosiddetto "Volo 4" del 4

giugno 1947.

m.l.

GRAN BRETAGNA: CENTINAIA DIAVVISTAMENTI RICORRENTI

Un'ondata tipicamente scozzese

Sui giornali italiani a volte rimbalzano notizie provenienti dall'estero, delle quali

spesso ci si chiede da che fonte provengano e quale attendibilità abbiano. A volte tali

notizie finiscono direttamente sui settimanali illustrati, senza neppure passare sui

quotidiani, perch‚ sono di mero supporto a una foto.

Capita così di trovare la foto dell'anziana contattista sudafricana Elizabeth Klarer (su

Visto del 25 novembre '94) con la spiegazione che ®da 35 anni questa signora scruta il

cielo attendendo il ritorno del suo amante extraterrestre¯ con il quale avrebbe fatto

l'amore nel lontano 1959. Peccato che la Klarer fosse morta (a 83 anni) nel febbraio

precedente!

Lo scorso 12 maggio, per una curiosa coincidenza, due diversi settimanali del gruppo

Rizzoli (Donna oggi e Visto) hanno pubblicato la foto di un signore dai capelli bianchi,

che secondo il primo sarebbe stato il consigliere comunale Billy Buchanan e secondo il

secondo sarebbe invece un famoso esperto, Malcom Robinson, a corredo della breve quanto

stupefacente rivelazione che il villaggio scozzese di Bonnybridge vanterebbe il record

mondiale (o europeo, a seconda del settimanale) degli avvistamenti UFO. Cosa c'È di vero?

"Abluzioni" Aliene

Se c'e una cosa di cui la Scozia abbonda, oltre al whisky, È l'acqua - acqua dolce,

sporca, profonda. L'acqua degli innumerevoli lochs (laghi) scozzesi. L'acqua di Nessie...

Ma l'acqua È anche protagonista di curiosi avvistamenti UFO, come quello capitato a

Edimburgo il 3 dicembre 1994: un ciclista vede uno strano velivolo librarsi sopra l'Union

Canal; dopodich‚ contatta Ron Halliday, ufologo scozzese. ®Mi ha detto di aver visto uno

strano oggetto salire alla cima del canale¯, riferisce Halliday. ®Ha detto che sembrava il

tradizionale disco volante. Aveva degli aculei che fuoriuscivano tutti intorno¯.

L'acqua, o comunque un liquido, caratterizza anche il principale caso scozzese di

abduction, studiato da Malcolm Robinson del gruppo Strange Phenomena Investigations.

Nell'agosto 1992 due giovani - in viaggio sulla strada A70 attraverso le Pentland Hills

intorno a mezzanotte - dopo aver fatto una curva si sono trovati a passare sotto un enorme

oggetto nero fermo sopra la strada. Uno di loro, Colin Wright, ha affermato di essere

stato portato a bordo dell'oggetto, dentro il quale ha visto del fluido in un buco del

pavimento, dal quale emergeva un'enorme e scheletrica creatura.

Livingston ...suppongo

Alcuni dicono che l'ondata ufologica scozzese sia iniziata con Bob Taylor e il suo celebre

incontro ravvicinato avvenuto il 9 novembre 1979 a Dechmond Woods, nei pressi di

Livingston. La mattina di quel giorno Bob, allora guardaparco cinquantenne, si È imbattuto

in un "velivolo" circolare, circa dieci metri di diametro. Dalla direzione del velivolo

sono apparse due "creature", ovvero due globi circondati da aculei, che potevano ricordare

le mine usate nella seconda guerra mondiale. "Mine" però di una natura fisica piuttosto

insolita poich‚, stando a Mr. Taylor, due aculei ruotavano orizzontalmente attorno

all'asse verticale di ciascun globo, e i quattro aculei rimanenti, uno per volta,

spingevano i globi in avanti (in direzione del testimone). In altre parole essi ruotavano

attorno all'asse orizzontale delle due sfere...ne risultavano quindi due moti rotatori

opposti ed impossibili per oggetti solidi convenzionali. Raggiunto il testimone dai due

lati, i globi gli hanno afferrato i pantaloni, ed egli ha percepito un cattivo odore che

gli ha fatto perdere i sensi. Quando È rinvenuto vi era uno strano segno sulla coscia

sinistra, e i pantaloni erano strappati. Quei pantaloni che ora Malcolm Robinson chiama la

"sacra sindone dell'ufologia"...

La "finestra" di Bonnybridge

Un'intensa attività UFO in Scozia si È cominciata a manifestare soprattutto a partire dal

novembre 1992, quando Billy Buchanan, un consigliere comunale di Bonnybridge - cittadina

della Scozia centrale - ha raccontato a un giornale locale che un suo conoscente era

rimasto piuttosto turbato dall'avvistamento di uno strano oggetto che si librava sopra una

strada. L'appello di Buchanan rivolto ad altri eventuali testimoni ha prodotto come

risultato 150 chiamate in redazione relative a esperienze simili.

Da allora Buchanan e gli ufologi Malcolm Robin-son e Ron Halliday hanno raccolto almeno

seicento testimonianze, che per una cittadina di 9.000 abitanti È un numero enorme. Le

testimonianze descrivono un'affascinante varietà di forme aeree, inclusi ellissoidi

tempestati da luci, sfere luminose indistinte, circoli di luci roteanti, forme triangolari

oscure e anche un cilindro argenteo sospeso a mezz'aria.

A più riprese nel corso degli ultimi anni si È parlato di una correlazione tra gli

avvistamenti ricorrenti di Bonnybridge e la presunta presenza di "aerei invisibili"

(stealth) americani, in particolare il fantomatico Aurora (si veda UFO n. 9), che

userebbero segretamente come base d'appoggio europea il vecchio aeroporto militare

scozzese di Machrihanish (ufficialmente dismesso).

Verso la metà di febbraio 1995 un aviatore ha dichiarato che numerosi avvistamenti

avvenuti a Forfar, Aberfeldy, Pitlochry e Blairgowrie erano dovuti al suo ultraleggero a

strisce rosa, anche se le descrizioni parlano di due forme ovali che si muovono

separatamente, di "luci blu e bianche", di una "luce gialla a forma di frisbee", o di un

oggetto, oscuro con tre luci bianche, estremamente veloce che produce un "profondo suono a

due toni"... Stessa zona, stesso periodo, avvistamento di "un enorme circolo bianco come

un hula hoop" così alto nel cielo che un aereo commerciale gli volava sotto; una notte

nebbiosa, Faye Donald di Banchory Devenick vede "fasci di luce esaminare il terreno". Un

portavoce della RAF (Royal Air Force) ha attribuito l'avvistamento a piloti in missione di

esercitazione nell'atto di leggere mappe tramite torce elettriche in carlinga. Una "grande

sfera bianca" vista da Andrew Roose di Little France, Edimburgo, È stata spiegata

dall'astronomo Patrick Moore come Venere, sebbene stando alla testimone "era troppo grande

e si muoveva troppo rapidamente". Nel dicembre 1994 un motociclista e i suoi due

passeggeri hanno visto una cosa, simile a una stella cadente, esplodere, diventare più

luminosa, illuminando a giorno la campagna, ed emanare "una quantità di luci colorate".

Marc MacAuley del Royal Observatory ha riferito di aver ricevuto due segnalazioni simili

la stessa notte, e di ritenere che si tratti di una meteora dello sciame delle Geminidi,

quantunque questo fosse atteso per la settimana successiva.

Forse i misteriosi fenomeni luminosi segnalati nei cieli della Scozia risulteranno essere

una combinazione di meteore, aerei stealth, piloti in esercitazione, fulmini globulari,

oppure persino casi di epilessia del lobo temporale. O forse no. Ma solo un'appropriata

indagine potrà risolvere questo rebus. Nell'ottobre 1994 il consigliere Buchanan ha

rivelato di aver scritto al Primo Ministro John Major chiedendo aiuto al Governo. ®La

gente del luogo (...) È stanca ed addolorata di essere considerata alla stregua di un

branco di eccentrici¯ ha scritto, ®eppure gli avvistamenti continuano. In considerazione

del loro elevato interesse, chiedo, che Lei in qualità di Primo Ministro, istituisca

un'inchiesta di alto profilo¯.

m.l.

FONTI

Eris E. Andys, "Northern Lights" e Bob Rickard, "Scotland's UFO hotspot" su Fortean Times n. 81, giugno-luglio 1995.