BOLLETTINO RETE UFOLOGICA COMPUTERIZZATA n.1

0
1221

BOLLETTINO RETE UFOLOGICA COMPUTERIZZATA

Gennaio 1986 – Numero 1
Questo e’ il primo numero del Bollettino della R.U.C. (Rete
Ufologica Computerizzata) italiana, una commissione facente parte
attiva del C.I.S.U. (Centro Italiano Studi Ufologici), il
nuovissimo centro italiano dedicato alla attiva ricerca ufologica.
La Rete e’ esclusivamente composta dagli ufologi italiani
possessori di un microcomputer ed in grado di fornire un valido
contributo alle attivita’ del C.I.S.U. e, piu’ in generale, della
ricerca ufologica.
Questa circolare vuole essere un primo contatto per saggiare il
vostro interesse verso tale iniziativa : siete invitati a
rispedire, compilato, l’accluso questionario insieme alla
richiesta di associazione, qualora decidiate (come io spero
vivamente) di diventare un membro della R.U.C. Cio’ non comporta,
ovviamente, alcun impegno, se non quello di fornire il proprio
contributo alle attivita’ della commissione, compatibilmente con
la propria disponibilita’ personale.
L’associazione alla Rete Ufologica Computerizzata italiana da’
diritto a :
(1) ricevere regolarmente la circolare interna (con aggiornamenti
sulle attivita’ in corso, progetti, notizie tecniche, ecc……..)
(2) assumere il titolo di “membro” di una commissione C.I.S.U.
(senza per questo esserne legati, se non si e’ associati al
Centro)
(3) potere ricevere a prezzi fortemente ridotti il software
ufologico attualemente esistente e quello in fase di sviluppo.
(4) potere sottoscrivere un “abbonamento” a “THE COMPUTER UFO
NEWSLETTER” a tariffa ridotta.
(5) avere accesso ad una lista software per Commodore 64/128 di
oltre 1700 titoli.
(6) diventare utente privilegiato della banca dati computerizzata
di ufologia, di prossima costituzione.
L’associazione e’ GRATUITA, ma eventuali piccole “donazioni”
saranno gradite per sopperire alle spese via via sostenute.

– Compiti della Rete all’interno del C.I.S.U. –

La R.U.C. svolge svolge un duplice importantissimo compito
all’interno del Centro Italiano Studi Ufologici :
(1) la composizione dei testi degli articoli pubblicati sulla
nuova rivista del Centro : tali testi verranno forniti nella loro
forma originale o da questo coordinatore o direttamente dalla
redazione della rivista stessa.
(2) l’inserimento su computer dei vari cataloghi provinciali
attualmente disponibili e di quelli in fase di sviluppo.
– COMPOSIZIONE DELLA RIVISTA
Specialmente per quanto riguarda il punto (1), si tratta di un
impegno estremamente interessante, che vedra’ i membri della
R.U.C. diretti artefici della nuova rivista (il cui primo numero
e’ previsto intorno a marzo). A questo proposito verra’ utilizzato
un comune programma di word-processing per Commodore 64, l’EASY
SCRIPT e si fisseranno dei criteri standard a cui ci si dovra’
sempre rifare nella preparazione di un testo. Tali criteri
verranno diffusamente esposti nella prossima circolare, unitamente
alla presentazione dei primi lavori da intraprendere.
Orientitativamente ad ogni membro potrebbe venir chiesto di
comporre un articolo di media lunghezza (intorno alle cinque/sei
cartelle dattiloscritte) ogni sei mesi, almeno per quanto riguarda
il 1986. Il meccanismo e’ molto semplice : il membro, ricevuto
l’articolo originale, dovrebbe batterlo sul suo C-64 attraverso il
word-processor tenendo sempre in debita considerazione gli
standard precedentemente fissati. Una volta realizzato il file
completo dovrebbe poi inviarne una copia, su cassetta o floppy
disc, all’indirizzo che verra’ riportato sul Bollettino in
occasione della gestione dei vari lavori. In questo modo sara’
possibile ottenere un notevole risparmio di tempo e, soprattutto,
denaro nella composizione della rivista (stampata
professionalmente), che ne trarra’ certamente giovamento anche
sotto l’aspetto estetico. Inoltre, i membri della R.U.C. che
prenderanno parte attiva a questa iniziativa saranno i
collaboratori fissi della pubblicazione e vi saranno costantemente
ricordati per la loro importante opera : e’ opportuno ricordare,
semmai ce ne fosse bisogno, che si trattera’ anche e soprattutto
della NOSTRA rivista.
Attraverso questo Bollettino e’ possibile ricevere una cassetta
con una copia dell’EASY SCRIPT (ad uso personale), unitamente ad
un estratto di 32 pagine del relativo manuale in italiano, in modo
da potere apprendere tutti i comandi fondamentali. Viene solo
richiesto un contributo spese di \ 4000 da inviare in francobolli.
La scelta di un tale word-processor e’ semplice : e’ molto
diffuso, e’ stato gia’ largamente impiegato in lavori connessi
all’ufologia, unisce ad una buona facilita’ d’uso una notevole
potenza elaborativa, permette la gestione di testi fino a 756
righe e funziona indifferentemente con un registratore che con un
disc drive.
– CATALOGHI PROVINCIALI
Un altro obiettivo fondamentale della Rete Ufologica
Computerizzata italiana e’ l’allestimento su computer dei
cataloghi provinciali preparati nell’ambito del C.I.S.U. Tutti voi
sapete come uno degli obiettivi dell’ufologia italiana sia quello
di raccogliere in forma omogenea e facilmente consultabile tutta
la casistica attualmente disponibile. L’unico modo per procedere a
cio’ e’ un lavoro decentrato su scala provinciale : lanciato circa
quattro anni fa, ha gia’ dato dei buoni risultati e le prospettive
attuali sono certamente incoraggianti. Molte province sono gia’
state coperte, altre lo stanno per essere, altre ancora lo sono
parzialmente, mentre per un numero ancora consistente non ci sono
le persone in grado di svolgere tale compito (probabilmente per la
vostra stessa provincia manca una casistica ufologica : perche’
non pensare di occuparsene personalmente ?). Ma al di la’ della
raccolta di tale casistica e della conseguente produzione delle
relative liste, si e’ sentita l’esigenza di disporre di tali dati
in una forma tale da permette sia un rapido scambio delle
informazioni che una loro elaborazione per eventuali studi
statistici o per semplici elaborazioni di dati. Da qui la
decisione, maturata da un anno a questa parte, di procedere alla
“computerizzazione” di tali casistiche provinciali su piccoli
computer Commodore 64 ed Apple IIc. Per la prima macchina, quella
attualmente piu’ diffusa fra gli ufologi italiani ed a quella a
cui fa principale riferimento questo stesso Bollettino, sono gia’
disponibili otto files completi, per la seconda altrettanti, ma
tutti riferentesi alla Toscana. Tale operazione di inserimento
della casistica su computer avviene secondo una procedura
unificata ed estremamente semplice (vengono inseriti i dati
fondamentali piu’ le fonti), utilizzando un apposito potente
database scritto da Marco Bottaini, che, fra l’altro, e’ il
coordinatore delle attivita’ svolte su Apple.
Fin’ora gli unici cataloghi “computerizzati” disponibili sono
stati approntati dai loro stessi curatori, ma la maggior parte
degli autori di detti cataloghi non posseggono un micro-computer,
per cui esiste ora la necessita’ di farli inserire su elaboratore
da altre persone. Questo dovrebbe essere uno dei compiti
fondamentali della R.U.C. : ogni membro, qualora se ne presenti
l’occasione (probabilmente una o, al massimo, due volte l’anno)
dovrebbe procedere all’inserimento sul proprio C-64 della lista di
un catalogo provinciale e fare avere copia del relativo file a
questo coordinatore. E’, comunque, sempre auspicabile che gli
stessi membri R.U.C. procedano allo sviluppo di un catalogo di
avvistamenti UFO (anche provvisorio, l’importante e’ incominciare)
della propria provincia, qualora quest’ultima risulti “scoperta”.
Per tutti coloro che hanno intenzione di associarsi alla R.U.C. e
di collaborare attivamente con questo progetto di catalogazione
della casistica, mettiamo a disposizione gratuitamente il relativo
software comune : consigliamo solamente di richiederlo unitamente
all’EASY SCRIPT o a qualche altro programma di ufologia (vedi in
seguito), in modo da contenere le relative spese.

– ALTRI SCOPI DELLA R.U.C. –

La Rete Ufologica Computerizzata italiana ha, ovviamente, anche
altri scopi. Si tratta, per lo piu’, di progetti di un certo
interesse che, in presenza delle opportune condizioni
(disponibilita’ ed impegno degli associati) potranno venire
realizzati compiutamente in un arco di tempo accettabile. Sta
inoltre agli stessi membri proporre ed eventualmente attuare dei
progetti originali di utilizzo del personal computer nella ricerca
ufologica.
Ecco un primo breve elenco degli scopi della Rete :
[A] sviluppare su computer delle elaborazioni sui dati desunti
dalle casistiche provinciali o di altro genere.
[B] preparare delle bibliografie particolareggiate su
argomenti specifici della questione ufologica, possibilmente
tramite un programma di database comune e reperibile sul mercato.
[C] sviluppare dei programmi che siano di ausilio, a
posteriori, agli inquirenti per poter meglio valutare il caso da
loro investigato (alcuni, connessi al controllo della posizione
dei corpi celesti, sono gia’ disponibili).
[D] gestire e fornire materiale (sotto forma di files
utilizzabili da un computer) al nuovo servizio di “Bulletin Board”
ufologico, consultabile via modem, che verra’ costituito in Italia
nel 1986, con carattere europeo.
Opinioni e suggerimenti in merito a quanto sopra, come pure nuove
proposte, saranno senz’altro benvenuti.*sk4

– MATERIALE DISPONIBILE SULL’USO DEL COMPUTER IN UFOLOGIA –

Al momento si dispone gia’ di parecchio materiale inerente ad
applicazioni del computer nella ricerca ufologica : non e’
azzardato (anzi, e’ forse restrittivo !) affermare che l’Italia e’
uno dei paesi dove maggiore e’ l’impiego del computer da parte
degli ufologi. Chi scrive e’ il curatore dell’unica pubblicazione
al mondo dedicata esclusivamente all’uso del computer in ufologia,
costituendo altresi’ il punto di raccolta della maggior parte del
software specifico disponibile oggigiorno in campo internazionale.
Da un primo censimento, certamente indicativo, condotto su circa
130 ricercatori di ogni nazionalita’ possessori di un home o
personal computer e’ apparso come la macchina piu’ diffusa sia il
Commodore 64, seguito dall’Apple IIe/c e dal PC-IBM. Per quanto
riguarda la situazione nel nostro paese, il “64” (o il nuovo
“128”) e’ la macchina posseduta da circa una ventina di ufologi,
seguiti da 6/7 proprietari di un Apple IIe/c. Il Bollettino fara’
riferimento ad entrambi i gruppi, anche se maggior spazio sara’
dedicato alle attivita’ legate ai Commodore 64.
Qui di seguito verra’ presentato un elenco preliminare del
software ufologico attualmente disponibile (oltre quello
precedentemente citato), con l’indicazione del supporto richiesto
e delle relative modalita’ per riceverlo.
1) serie programmi ITACAT – (C-64)
Si tratta di tre serie di programmi, molto curati nella
veste grafica, dedicati a tre differenti casistiche specifiche :
– A – catalogo dei casi di Tipo-1 italiani (circa 435 incontri
ravvicinati)
– B – catalogo dei casi di Tipo-1 “negativi” (circa 100 eventi)
– C – catalogo dei casi italiani con tracce (circa 170 entrate)
Ogni serie e’ articolata su una lunga presentazione/articolo a
video, un’introduzione grafica, il database vero e proprio ed il
relativo file. Inoltre, c’e’ un programma iniziale comune a tutte
e tre le serie. Complessivamente, si tratta di circa 130K di
software, corredato da un dettagliato fascicolo di istruzioni. E’
ora disponibile la nuova release 1.1 del novembre 1985. L’intero
package e’ disponibile, ai soli membri della R.U.C., alle seguenti
condizioni :
cassetta : \ 12.000 floppy disc : \ 14.000
Per coloro che avevano gia’ acquistato la vecchia versione e’
possibile ricevere la nuova versione inviando una cassetta e \
3000 in francobolli.
2) programma STATISTICA ITACAT – (C-64)
E’ un programma strutturato in forma di “demo” che mostra
grafici e dati statistici di una serie di distribuzioni di
frequenza relativi a specifici parametri (specialmente temporali e
spaziali) della casistica italiana degli incontri ravvicinati.
Viene fornito gratuitamente insieme al “package” ITACAT.
3) programma TASCAT – (C-64)
Si tratta di un programma di database in inglese realizzato
da Paul Jackson del T.U.F.O.I.C (Tasmanian UFO Investigation
Center) per la gestione della casistica di circa 300
possibili/probabili avvistamenti UFO verificatesi in Tasmania fino
al 1984 compreso. Viene fornito con istruzioni in italiano.
E’ disponibile solo su disco per \ 2.500 se richiesto insieme ad
altri programmi, \ 9.000 se da solo.
4) programma E.D.A. – (C-64)
Questo programma (Elaborazione Dati Avvistamento), scritto
in italiano, e’ stato realizzato da Sergio Bianchi del G.S.E. E’
rivolto agli investigatori per dare loro un aiuto nella
determinazione di certi dati fondamentali (valutazione della
distanza, della quota, dell’inclinazione, delle dimensioni,
ecc….). Sara’ presto disponibile con modalita’ da definire.
5) programma GESTIONE BIBLIOGRAFIA – (C-64)
Realizzato dall’olandese Henry Kampherbeek questo programma
in inglese permette la gestione specifica di una bibliografia
ufologica a carattere generale o specialistico. E’ disponibile un
lungo file di libri ed articoli internazionali realizzato dallo
stesso autore. Disponibile sia su cassetta che su disco,
gratuitamente se richiesto con altri programmi.
6) file MANOSCRITTO ITACAT – (C-64)
E’ praticamente pronto l’intero manoscritto ITACAT sotto
forma di files del word-processor EASY SCRIPT, corrispondente a
circa 450 pagine dattiloscritte. Disponibile solo su floppy disc,
ne occupa ben sei facciate. E’ in esame la possibilita’ di
renderlo disponibile subito o di aspettare l’eventuale
pubblicazione del manoscritto nel corso del 1986.
7) file BIBLIOGRAFICI – (C-64)
Si tratta di una serie di files, alcuni dei quali generati
con il database “SUPERBASE” e, quindi, disponibili solo su disco
relativi a bibliografie personali di libri, riviste, articoli di
ufologia apparsi su riviste specializzate straniere, raccolte di
articoli di stampa. Se interessati chiedere dettagli : la
disponibilita’ e’ gratuita.
8) programmi per APPLE IIe/c –
Sono attualmente disponibili le versioni per Apple IIc de :
[a] database cataloghi provinciali (con i file delle province
toscane)
[b] database ITACAT, ITACAT N e TRACAT
I programmi sono stati realizzati da Marco Bottaini via Mammianese
2/a 51017 Pescia (Pt), a cui ci si deve rivolgere per eventuali
informazioni.
Si e’ al corrente anche dell’esistenza di una o piu’ bibliografie
specializzate sviluppate sulla stessa macchina : maggiori dettagli
verranno presentati sul prossimo Bollettino.
– PUBBLICAZIONI SPECIALIZZATE –
Esite un notiziario in lingua inglese esclusivamente dedicato
all’uso del computer in ufologia : “THE COMPUTER UFO NEWSLETTER”,
pubblicato dallo scrivente. Consta di 20 o piu’ pagine, a seconda
del materiale disponibile ed esce sei volte all’anno, con cadenza
irregolare. Viene completamente composto su computer tramite EASY
SCRIPT, per cui e’ disponibile anche in versione “file”. Si avvale
della collaborazione di numerosi ricercatori stranieri che
presentano articoli su progetti in corso di realizzazione, su
proposte di lavoro, su discussioni comuni, su argomenti tecnici,
su recensioni di programmi commerciali di potenziale interesse per
l’ufologia, ecc…. In pratica, tutto quanto si fa nel mondo in
relazione a computer ed ufologia viene riportato sulle pagine del
notiziario, che rappresenta il raccordo ideale fra le attivita’
della R.U.C. (la cui controparte americana, pur con scopi e
modalita’ differenti, e’ rappresentata dalla COMP.U.F.O.N.) e
quelle di tutti gli altri ufologi stranieri possessori di un
computer. La pubblicazione e’ scritta in un inglese facilmente
comprensibile e, quindi, non pone grossi problemi di traduzione.
Si puo’ ricevere dietro un rimborso spese di \ 14,000 per sei
numeri : sono gia’ disponibili i numeri 0 – 1 – 2 – 3.

NO COMMENTS