BOLLETTINO RETE UFOLOGICA COMPUTERIZZATA n.4

0
1562

BOLLETTINO RETE UFOLOGICA COMPUTERIZZATA

Numero 4 # Luglio 1986

Dopo i primi sei mesi di vita della R.U.C., il bilancio che
si puo’ trarre da questa iniziativa, unica nel suo genere nel
mondo, puo’ senz’altro ritenersi positivo. La maggior parte dei
ricercatori e degli appassionati italiani dotati di un computer ha
risposto con interesse alle attivita’ proposte dalla Rete e alcuni
di essi hanno gia’ terminato (o sono in procinto di farlo) una
prima serie di lavori. Ricordiamo che, al momento, gli indirizzi
fondamentali sono due: la composizione dei testi per la rivista e
la preparazione dei cataloghi provinciali su database comune.
Al momento le persone dell’ambiente ufologico che hanno un
computer sono circa quaranta ed una quindicina sono attivamente
impegnate, fornendo un contributo validissimo. E’ nostra viva
speranza che la cerchia delle persone direttamente coinvolte
nell’iniziativa si allarghi sempre di piu’, permettendo cosi’ un
proficuo utilizzo delle risorse disponibili e della grande mole di
materiale ancora da elaborare. Ci sono ancora delle persone,
possessori di un C-64 o di un Apple, che non hanno risposto al
nostro questionario o, pur avendolo fatto, non hanno ancora
comunicato la loro disponibilita’ a svolgere un minimo di
attivita’ (la ribattitura di un articolo o l’inserimento di un
catalogo provinciale, lavori questi che richiedono relativamente
poco tempo). Rivolgiamo loro un appello affinche’, pur nei limiti
delle proprie disponibilita’ di tempo libero, si facciano avanti
per assumere qualche semplice “compito”: la R.U.C. ha bisogno
della loro collaborazione.
Un’ultima nota: pur essendo gratuita l’adesione alla RUC,
ricordiamo che eventuali (anche piccoli !) contributi in denaro
(o….francobolli) saranno sempre ben accetti. Le spese connesse
alla gestione della RUC non sono indifferenti e sono completamente
autofinanziate, prosciugando cosi’ ogni risorsa per iniziative
parallele: purtroppo, questa e’ una situazione classica per
un’attivita’ amatoriale come la nostra.*sk5
*pn2
*hd2:^Rete Ufologica Computerizzata^#

ECataloghi Provincialie:cn
– Materiale in fase di elaborazione negli ultimi quaranta giorni.
(1) F.Alfieri di Catanzaro Lido sta portando a termine le
casistiche provinciali di Cosenza, Reggio Calabria e Catanzaro,
partendo sia da materiale in suo possesso (trovato soprattutto sui
giornali locali) che da documenti forniti dalla Banca Dati
Ufologica di Torino (compreso il vecchio catalogo calabrese
compilato nel 1972 da Giulio Grilletta).
(2) M.Sisti di Trieste dovrebbe procedere all’inserimento su
computer delle casistiche provinciali di Trieste, Udine, Gorizia e
Pordenone. Probabilmente si occupera’ anche delle province venete,
in collaborazione con A.Cortellazzi di Trento che dovrebbe
ordinare il materiale delle due regioni. F.Alfieri aveva gia’
provveduto, a titolo sperimentale, ad inserire le casistiche del
1985 di alcune province friulane, ma ora l’iniziativa passa a
Sisti, che, fra l’altro, abita direttamente nella regione in
oggetto.
(3) E.Milazzo di La Spezia, con un C-64 e U.Cordier di Savona,
con un Apple II, dovrebbero procedere parallelamente
all’allestimento dei quattro cataloghi provinciali liguri, la cui
base iniziale e’ costituita da un vecchio catalogo redatto da
M.Farina di La Spezia.
(4) F.Sortino di Palermo sta allestendo il catalogo regionale
sicialiano, suddiviso nelle relative province. Il materiale in suo
possesso e’ aggiornato a tutto il 1979, per cui se ci fosse
qualche amico siciliano in grado di fornire materiale successivo a
quella data o di condurre delle ricerche bibliotecarie, lo stesso
e’ vivamente pregato di contattarci.
(5) A.Lazzaro e L.Bartoli di Reggio Emilia dovrebbero preparare
su computer il catalogo degli avvistamenti della propria
provincia, partendo dal materiale incluso nel gigantesco catalogo
dell’Emilia Romagna, a suo tempo stilato da S.Monte di Ravenna.
(6) G.Pattera e M.Iotti di Parma dovrebbero iniziare
l’inserimento della casistica parmense, utilizzando sempre come
base il gia’ citato catalogo di S.Monte.
(7) E.Milazzo di La Spezia sta procedendo alla ribattitura dei
cataloghi di alcune province toscane, tratte dal lavoro eseguito
da M.Bottaini.
|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-|-
|-|-|

ELavori Terminatie:sk1
(1) F.Alfieri di Catanzaro Lido ha completato i cataloghi
provinciali di Trento e Bolzano su computer, basandosi su un
lavoro, aggiornato a tutto il 1983, effettuato da A.Cortellazzi di
Trento.
(2) A.Casiroli di Corteolona (Pv) ha provveduto alla correzione
ed al completamento del catalogo di Firenze ed all’inserimento di
altre due province toscane.
(3) M.Verga ha provveduto alla correzione ed alla stesura
definitiva dei files di Pistoia, Grosseto e Livorno, basandosi su
un precedente lavoro di M.Bottaini di Pescia (Pt).:cy
ECataloghi:e
Eil punto della situazionee:sk1
Al momento in cui scriviamo (primi di giugno 1986) possiamo
presentare la situazione relativa alla computerizzazione dei
cataloghi provinciali nei seguenti termini:
– Files pronti:
Como, Varese, Pavia, Firenze, Lucca, Pistoia, Massa C., Pisa,
Livorno, Arezzo, Siena, Grosseto, Bolzano, Trento, Terni, Perugia,
Frosinone.
– Files in fase di caricamento:
La Spezia, Genova, Savona, Imperia, Trieste, udine, Pordenone,
Gorizia, Parma, Reggio Emilia, Roma, Rieti, Viterbo, Latina,
Catanzaro, Reggio Calabria, Cosenza, Palermo, Catania, Messina,
Agrigento, Enna, Caltanisetta, Trapani, Ragusa.
– Cataloghi di cui esiste materiale, ma non ancora computerizzati:
Cagliari, Nuoro, Sassari, Ancona, Macerata, Ascoli, Pesaro,
Torino, Aosta, Cuneo, Asti, Novara, Alessandria, Vercelli,
Brescia, Bologna, Piacenza, Modena, Ferrara, Forli’, Ravenna.
Quest’ultimo gruppo di province e’ in attesa di essere
affidato a qualche membro della R.U.C. che accetti di procedere al
loro inserimento su computer. In particolare, ricordiamo che i
cataloghi piemontesi sono praticamente completi ed e’ un vero
peccato che non si sia ancora riusciti a trasformarli in files.
restiamo in attesa che qualcuno ci contatti in merito.
Inutile dire che la computerizzazione dei cataloghi
provinciali/regionali e’ solo la prima fase del lavoro: la seconda
e’ quella inerente al loro costante aggiornamento, che dovrebbe
condurre alla produzione, su scala annuale, di un nuovo file.
Ritorneremo su questo argomento in un prossimo Bollettino.
——————————————————————
—–:cy
EListe di casie
(DA GdM E ALTRE RIVISTE):sk1
Il progetto di lavoro inerente al controllo sistematico
delle annate del GdM ( come pure di altre riviste ufologiche) alla
ricerca dei casi di avvistamento pubblicati su di esse sembra
ormai decollato. Alcuni membri del CISU si sono dichiarati
disponibili a condurre un tale lavoro, per cui le liste non
tarderanno ad arrivare. Il loro scopo e’ triplice:
A) confrontarle con i cataloghi provinciali gia’ esistenti in
modo da inserire quei casi in essi mancanti.
B) costituire la base di partenza per le province ancora
“scoperte”.
C) avere un quadro generale della casistica pubblicata dalle
riviste e dai notiziari.
Le liste saranno ordinate per regione, in modo da facilitare
i curatori dei rispettivi cataloghi nel procedere all’operazione
di controllo.
ECataloghi provinciali su SUPERBASEe:cn
A titolo sperimentale, M.Verga ha “trasferito” alcuni files
provinciali generati con il database comune sul SUPERBASE, il
sofisticato programma di gestione ed elaborazione dati per C-64.
Cio’ e’ avvenuto ricreando la stessa struttura del record del
database comune, con la sola differenza di avere leggermente
aumentato la lunghezza dei nove campi relativi alle fonti.
I vantaggi conseguibili con l’uso del SUPERBASE sono: una
capacita’ di memoria (quindi di casi inseribili) pari a quella del
floppy disc, una maggiore velocita’ nella gestione dei dati, piu’
complesse operazioni di ricerca, la possibilita’ di programmare il
database (creando, per esempio, dei “demo”). Per contro, c’e’ una
minore velocita’ di scrittura/lettura dei dati e l’impiego
limitato ai soli possessori del disc drive. Ripetiamo che si
tratta solo di un esperimento e che si sta valutando la
possibilita’ di realizzare una seconda versione dei cataloghi
provinciali, su SUPERBASE, una volta terminati nella loro forma
“normale”. Resta comunque inteso che il programma comune per la
computerizzazione dei cataloghi provinciali e’ e rimarra’ quello
attualmente in possesso della maggior parte dei membri R.U.C.
——————————————————————
—–

ENotae:sk1
Ricordiamo che sono tutt’ora disponibili dei cataloghi
preliminari, sia regionali che provinciali, che devono ancora
essere inseriti su computer: se qualche membro e’ interessato ad
un simile lavoro, e’ invitato a contattarci al piu’ presto.
:cy
EComposizione dei testie:sk1
Sebbene con un certo ritardo, da circa un paio di mesi e’
iniziata la distribuzione dei testi relativi ad articoli di
prossima pubblicazione sulla rivista del C.I.S.U. (“UFO-Rivista di
Informazione Ufologica”) da ribattere su computer tramite EASY
SCRIPT (C-64) o HOMEWORD (Apple II). Alcuni membri (A.Cassano,
A.Fulgoni, A.Casiroli, F.Alfieri) stanno gia’ procedendo a tale
importante lavoro, che consente di diminuire i tempi ed i costi di
produzione della rivista, con una qualita’ decisamente buona.
Ricordiamo che il primo numero della rivista (da ricordare
l’importante contributo di C.Michieletto e F.Dividi di Torino
nella composizione di alcuni articoli) e’ stato stampato (a
livello di impianto tipografico) per mezzo di una stampante
Honeywell “near letter quality”: per il secondo, grazie
all’accordo pubblicitario con un rivenditore Apple di Torino, e’
probabile che si fara’ uso di un Macintosh e di un sofisticato
software per la composizione (a livelli veramente professionali)
della rivista, la cui pellicola tipografica verra’ realizzata
tramite una stampante “Laser Writer”, che rappresenta attualmente
il “top” del mercato. In questa prospettiva, tesa al continuo
miglioramento dell’aspetto estetico della rivista (pur senza
alcuna rinuncia nei confronti della qualita’ dei contenuti), anche
in considerazione di una sua futura maggiore diffusione, appare
ancora piu’ importante l’apporto fornito dai membri della RUC
nella preparazione dei testi sotto forma di files per computer.
Grosso modo, l'”impegno” che coinvolgera’ ogni membro che si
dichiarera’ disponibile all’iniziativa, sara’ costituito da due
articoli nel corso di un anno. Generalmente si tratta di
traduzioni di articoli stranieri, il cui originale viene fornito
insieme alla copia in italiano: ovviamente, solo quest’ultima deve
essere trascritta su computer.
Inutile dire che la collaborazione di tutti i membri RUC e’
indispensabile per la buona riuscita delle varie iniziative
intraprese: invitiamo, quindi, coloro che non sono ancora
coinvolti in alcun lavoro a contattarci.:cy
*******:sk1
Cogliamo l’occasione per spendere due parole in merito alla
nostra rivista (e’ bene ricordare che si tratta della rivista di
tutti NOI). Mentre state leggendo questo Bollettino, dovreste
averla gia’ ricevuta (Poste permettendo !) e vi sarete resi conto
che si tratta di un “prodotto” di buona qualita’, adatto anche ad
una diffusione piu’ ampia di quella attuale, amatoriale e per
abbonamento. Il risultato conseguito con ul budget disponibile
puo’ considerarsi, a nostro giudizio, piu’ che soddisfacente, ma
e’ ovvio che cercheremo di migliorarlo ulteriormente.
Anche nel corso dell’ultimo Consiglio Direttivo del C.I.S.U.
sono emersi due orientamenti fondamentali per lo sviluppo della
rivista: la ricerca di finanziamenti esterni e una maggiore
diffusione. Ecco, brevemente, alcune proposte in merito (che
saranno ovviamente estese a tutti gli associati del Centro):
(I) Nuovi finanziamenti.
Il mezzo piu’ adatto per ottenere un maggior budget per la
pubblicazione della rivista (attualmente prodotta esclusivamente
con i proventi delle quote sociali) e’ quello di inserire della
pubblicita’. Ovviamente, visto il carattere molto specialistico
della nostra pubblicazione, bisognera’ cercare degli inserzionisti
verso cui gli ufologi possono rappresentare dei potenziali
clienti. Produttori di computers, accessori per computers,
macchine e pellicole fotografiche, videoregistratori e
videocassette, strumenti ottici ed articoli similari potrebbero
essere interessati ad acquistare degli spazi pubblicitari sulla
nostra rivista, spazi che, fra l’altro, verrebbero offerti a
tariffe molto basse. Si invitano, quindi, tutti i membri
dell’associazione a cercare, attraverso loro conoscenze o tentando
direttamente dei contatti, eventuali inserzionisti per la rivista.
Essi potrebbero essere sia le case-madri che loro rappresentanti,
oppure anche semplici negozi: l’importante e’ dare un’ottima
presentazione della rivista, magari esagerando un po’ sul numero
degli abbonati e dei suoi lettori. Comunque, la lista di
potenziali inserzionisti poco prima citata non e’ affatta
limitativa: qualunque tipo di pubblicita’ commerciale verra’
accettata, visto il continuo bisogno di finanziamenti del Centro.
Non siamo in grado di anticipare le tariffe: per quest’ultime e
per tutte le altre questioni economiche, invitiamo tutti gli
interessati ad una tale iniziativa (a nostro avviso molto
importante) a contattare il Dott. Edoardo Russo, C.so V.Emanuele
108, 10121 TORINO (011/325657).
Ovviamente se qualcuno ha dei suggerimenti o delle nuove
proposte sulla materia, e’ pregato di comunicarle quanto prima.
(II) Diffusione.
Prescindendo da un possibile futuro tentativo di
distribuzione nelle edicole delle stazioni ferroviarie
(subordinato ai costi di una tale operazione), e’ nata la proposta
di effettuare un primo esperimento di distribuzione presso edicole
e librerie, gestite da conoscenti dei membri. La cosa potrebbe
funzionare nei seguenti termini: se un membro CISU (ma ovviamente
l’invito e’ esteso anche ai non iscritti !) conosce un edicolante
o un libraio potrebbe chiedergli di porre in v

NO COMMENTS